» Disturbi Infanzia-Adolescenza
» Disturbi Cognitivi
» Disturbi Correlati a sostanze
» Disturbi Psicotici
» Disturbi dell' Umore
» Disturbi d'Ansia
» Disturbi Somatoformi
» Disturbi Sessuali
» Disturbi dell' Alimentazione
» Disturbi del Sonno
» Disturbo del Controllo degli Impulsi
» Disturbi di Personalità
» Altre Condizioni
 
  DISTURBI DELL' UMORE
» A cicli rapidi
» Disturbo ciclotimico
» Disturbo distimico
» Disturbo dell' umore indotto da sostanze
» Disturbo depressivo con manifestazioni atipiche
» Disturbo depressivo con manifestazioni catatoniche
» Disturbo dell' umore con manifestazioni psicotiche
» Disturbo dell' umore dovuto ad una cond. medica generale
» Episodio depressivo maggiore
» Episodio ipomaniacale
» Episodio maniacale
» Episodio misto
» Lutto
» Disturbi dell' umore
» Criteri per l' andamento stagionale
» Disturbo bipolare I
» Disturbo bipolare II
» Disturbo depressivo maggiore
Disturbi Mentali
 

Lutto

Il Lutto, secondo il DSM-IV-TR*:

è una reazione alla perdita di una persona cara. I sintomi caratteristici di un Episodio Depressivo Maggiore (es. sentimenti di tristezza e sintomi associati come insonnia, scarso appetito, e perdita di peso) fanno parte spesso di questa reazione. Il soggetto in lutto tipicamente considera "normale" l’umore depresso, sebbene possa ricercare un aiuto professionale per alleviare i sintomi associati come l’insonnia o l’anoressia.

La durata e l’espressione del lutto "normale" variano molto nei diversi gruppi culturali. La diagnosi di Disturbo Depressivo Maggiore (Episodio singolo e Ricorrente) non viene generalmente fatta se i sintomi non sono più presenti 2 mesi dopo la perdita. Comunque, la presenza di certi sintomi che non sono caratteristici di una reazione "normale" di lutto può essere utile per differenziare il lutto da un Episodio Depressivo Maggiore.
Questi includono:

  1. Sentimenti di colpa riguardanti cose diverse dalle azioni fatte o non fatte dal soggetto sopravvissuto al momento della morte;
  2. Pensieri di morte diversi dal sentimento del soggetto sopravvissuto che sarebbe meglio essere morto o che avrebbe dovuto morire con la persona deceduta.
  3. Pensieri eccessivi e morbosi di inutilità;
  4. marcato rallentamento psicomotorio;
  5. prolungata e intensa compromissione del funzionamento;
  6. esperienze allucinatorie diverse dal pensare di udire la voce, o di vedere fuggevolmente l’immagine della persona deceduta.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Copyright © 2017 Centro Clinico ARETE’ ~ P.Iva 02100260021 ~ Via Trombini, 16 21013 Gallarate (VA)

Please publish modules in offcanvas position.